Fragole a merenda

Video

Storia di un libro in una piccola cucina

Storie e ricette non escono mai a caso, dal mio archivio-teiera-di-latta. Quando decidono di metter fuori la testa, sollevano il coperchio e se ne vanno a spasso tenendosi per mano. E anche se io me ne stupisco sempre, c’è un principio d’ordine in quel guazzabuglio di foglietti spiegazzati, un filo che annoda i ricordi agli ingredienti, e me li fa trovare già disposti secondo un senso logico. [continua a leggere…]

Il soda bread di ceci ai pomodori secchi

Un altro pane pronto in meno di un'ora, un video uscito dal cassetto e... un nuovo inizio!


E questo l’ho trovato in un cassetto… il video, voglio dire. E’ rimasto lì nascosto per due anni, in attesa del momento propizio per raccontarvi una ricetta che è per molti versi la metafora di questo piccolo blog. Perché a dispetto di quel mazzo di fiori azzurri (che avevo comprato mezz’ora prima dal mio amico Abu, all’angolo della via), racconta la semplicissima storia di un “soda bread”: una cosa che è un pane, ma non spaventa nessuno perché è così facile che può farlo anche un bambino. [continua a leggere…]

La crostata di lamponi e cioccolato

C’è una crostata che ha provato più volte a infilarsi tra le pagine di “Fragole a merenda”, ma non c’è mai riuscita. Non che non ne avesse l’intenzione: usciva perfetta dal mio forno, si offriva arrendevole alla colata di ganache e al peso gentile dei lamponi, ma al momento di posare per un clic… non c’era più.

Ora, nessuno più di me può comprendere l’esigenza di estrema discrezione: riconosco persino a una crostata il diritto di sfuggire ai riflettori. Se non fosse che in questa mia piccola cucina di luci artificiali non ne esistono affatto… ma di golosi sì.
[continua a leggere…]

Un libro per amico

E così è accaduto… Avrei dovuto metterlo in conto, date le circostanze, ma la mia indole tutt’altro che mondana ha resistito fino all’ultimo. “Cosa vuoi che importi alla gente di vedermi mentre me ne sto in cucina!” rispondevo a chi mi diceva che forse un video ci voleva, arrivati a questo punto.

[continua a leggere…]